Dopo aver visto vincere lo Scudetto prima all’Inter e poi al Milan, la Juventus adesso vuole riprendersi lo scettro della Serie A: il primo anno della restaurazione di Allegri è stato interlocutorio, adesso però il tecnico sta plasmando di nuovo la squadra a sua immagine e somiglianza, e la dirigenza lo sta assecondando con colpi di primo livello.

 

A questo proposito, quale sarà la formazione della Juventus per il 2022/2023? Allegri riparte da alcune certezze ma si gode anche i nuovi acquisti, che cambieranno volto praticamente a ogni reparto dell’undici titolare bianconero, nel tentativo di alzare ulteriormente l’asticella e di tornare protagonisti sia in Italia che in Europa, nel più breve tempo possibile. 

 

Formazione Juve 2022/2023: così in campo

 

Ecco la probabile formazione della Juventus, ad oggi: 

 

Probabile formazione Juventus (4-3-3): Szczesny; Danilo, Bonucci, Bremer, Alex Sandro; Zakaria, Locatelli, Pogba; Di Maria, Vlahovic, Chiesa. All. Allegri

 

I volti nuovi della formazione della Juve 2023

 

Ecco come e quanto giocheranno i nuovi arrivati:

 

Gelson Bremer: partito de Ligt, la Juventus si è mossa immediatamente per prendere il centrale del Torino, bruciando la concorrenza dell’Inter. Questo perché cercava un titolare fisso e affidabile e giovane e forte: Bremer risponde a tutte queste caratteristiche. Giocherà tanto, giocherà praticamente sempre. Va considerato a tutti gli effetti un titolare.

 

Federico Gatti: lui non parte titolare, ma la Juventus crede eccome nell’ex Frosinone, per il quale ha investito 7,5 milioni nel gennaio scorso. Darà il cambio a Bonucci e “studierà” per raccoglierne l’eredità, visto che Leo non è più giovanissimo. Possibile che lo vedremo spesso nelle rotazioni di Allegri. 

 

Paul Pogba: discorso complesso. Se dobbiamo considerare la formazione titolare della Juve sulla carta, lui di sicuro va messo nell’undici titolare. L’infortunio però è serio e non si sa bene quando tornerà al 100%. Nel caso in cui dovesse essere in forma, non ci sono dubbi: un posto nella formazione della Juve 2023 per lui c’è eccome. 

 

Angel Di Maria: El Fideo parte titolare e giocherà sempre, salvo rifiatare in qualche occasione visto che non è più un ragazzino. Di base però è un titolare e su questo non ci piove, di sicuro nelle sfide decisive Allegri farà affidamento sul suo talento e sulla sua esperienza.

 

Chi resta: i titolari di ieri e di oggi nella formazione della Juve

 

In porta la certezza si chiama Szczesny, in difesa le fasce non cambiano: da una parte c’è Danilo, dall’altra gioca Alex Sandro. In mezzo, a fare coppia con Bremer c’è Bonucci, ultimo superstite della BBC, visto che Chiellini ha detto addio ed è volato in America. A centrocampo insieme a Pogba giocherà sicuramente Locatelli, l’altro posto sarà occupato da uno tra Zakaria e McKennie (il primo sembra più avanti). Pochi dubbi in attacco: Chiesa torna dall’infortunio e vuole tornare a giocare e a incidere come lui sa fare. La prima punta sarà Dusan Vlahovic: la Juve ha puntata molto su di lui, che vuole ripagare la fiducia alla sua prima stagione completa da titolare nell’attacco bianconero. 

 

La “Formazione B”: ecco le riserve della Juve 2023

 

In porta la riserva è Mattia Perin, il primo ricambio in difesa è Gatti, in attesa di capire il futuro di Rugani. Le alternative sulle fasce sono De Sciglio e Pellegrini, a centrocampo bisogna capire chi resterà: Rabiot può essere un ricambio importante, ma non è detto che rimanga ancora a Torino. In attacco Aké è stato promosso in prima squadra, la Juve potrebbe muoversi ancora sul mercato visto l’addio di Bernardeschi, che offriva varie alternative in avanti. Resta da vedere quindi come si evolverà il calciomercato bianconero da qui in avanti…

 

Quale sarà il prossimo acquisto della Juve? Ecco le quote Sisal