In Serie A siamo sempre stati abituati a vedere grandi attaccanti: sin dai primi anni dalla sua nascita, il nostro campionato ha visto passare talenti di livello assoluto, che hanno scritto la storia di questo sport in Italia. L’elenco è lunghissimo, e per scegliere chi inserire in un’ipotetica classifica dei migliori non possiamo che fare affidamento sull’unico vero metodo con il quale si può giudicare la carriera di un attaccante: il gol. 

 

Quali sono ad oggi i migliori marcatori del nostro campionato? Di seguito proponiamo la classifica marcatori della Serie A di tutti i tempi, aggiornata alle ultime reti. Nella lista ovviamente sono presenti anche giocatori stranieri, perché non si tratta solamente di una competizione all’italiana. Esempio: in terza posizione c’è uno straniero famosissimo, mentre le prime due posizioni della graduatoria sono occupate da giocatori italiani che hanno fatto la storia del campionato ma anche della Nazionale.

 

Insomma, di seguito proponiamo la classifica che arriva fino alla posizione numero dieci, per poi occuparci di chi è fuori al momento ma potrebbe rientrarci a breve... Considerate che alcuni giocatori hanno segnato lo stesso numero di reti, per questo li troverete nella stessa posizione. Via, si parte.

 

La classifica dei marcatori della Serie A di tutti i tempi (aggiornata al 2021)

 

  1. Silvio Piola: 274 gol

  2. Francesco Totti: 250 gol

  3. Gunnar Nordahl: 225 gol

  4. Meazza e Altafini: 216 gol

  5. Totò Di Natale: 209 gol

  6. Roberto Baggio: 205

  7. Kurt Hamrin: 190 gol

  8. Signori, Del Piero, Gilardino: 188 gol

  9. Gabriel Batistuta: 184 gol

  10. Giampiero Boniperti: 178 gol

 

Silvio Piola è in cima alla classifica dei migliori marcatori italiani all time

 

Considerato uno dei migliori giocatori italiani di sempre, Silvio Piola ad oggi è in vetta: nessuno come lui, nella storia della Serie A. In carriera ha giocato con le maglie di Pro Vercelli, Lazio, Torino, Juventus e Novara ed è arrivato così a quota 274 gol. Tra l’altro sarebbero potuti essere anche di più, se non avesse saltato una stagione a causa della Seconda Guerra Mondiale. Ancora oggi è il giocatore che ha segnato più gol in una singola partita (insieme a Omar Sivori): sei marcature in soli 90 minuti. 

 

Secondo posto: Francesco Totti con 250 gol

 

Si è ritirato nel 2017 dopo una carriera lunga e gloriosa cominciata venticinque anni prima, sempre con la stessa maglia: Francesco Totti è uno dei simboli di un calcio romantico che forse non c’è più, e per questo pensiamo ancora con più affetto alla sua meravigliosa storia d’amore con la Roma. Lui ha ripagato l’amore dei tifosi a suon di gol: ne ha segnati un’infinità, e non era proprio un centravanti. Non importava in quale posizione giocasse, comunque: Totti sapeva essere splendidamente decisivo ovunque. 

 

Terzo posto: Gunnar Nordahl con 225 gol

 

Arrivato in Italia all’età di 28 anni (quindi non proprio giovanissimo), in un decennio tra Milan e Roma è riuscito a scalare la classifica e a piazzarsi sul podio: Gunnar Nordahl è stato per tanti anni il giocatore ad aver segnato più gol in una sola stagione di Serie A (35, superato da Higuain nel 2106), e inoltre è ancora oggi il miglior marcatore della storia rossonera. Nessuno straniero come lui, in Italia: lo svedese è stato un centravanti fantastico, capace di segnare a valanga in un campionato difficile come il nostro. 

 

Dalla quarta alla decima posizione: i migliori marcatori della Serie A all time

 

Meazza e Altafini si dividono la quarta posizione a quota 216: al primo è dedicato addirittura uno stadio, il secondo è stato uno dei grandi marcatori stranieri del nostro campionato (ha giocato con Milan, Napoli e Juve). In quinta posizione troviamo invece un nome più recente, quello di Totò Di Natale (209): per due stagioni di fila (2009/2010 e 2011/2012) è stato il migliore marcatore della Serie A, con la maglia dell’Udinese (squadra nella quale ha giocato dal 2004 al 2016). Segue con 205 gol Roberto Baggio, che nella sua carriera ha giocato solamente in Serie A con diverse maglie: si è ritirato nel 2004, quando vestiva quella del Brescia. Al settimo posto troviamo un altro straniero, Kurt Hamrin (190 gol): anche lui è svedese, e ha costruito la gran parte della sua classifica quando giocava con la Fiorentina (150 gol in Viola). Ottavo posto alla pari (188 gol) per un terzetto tutto italiano: Signori, Del Piero e Gilardino, ognuno dei quali simbolo di una generazione diversa (anche se gli ultimi due sono stati Campioni del Mondo insieme nel 2006). In nona posizione c’è di nuovo uno straniero, in questo caso argentino: si tratta di Batistuta, che tra Fiorentina e Roma ha devastato tutte le difese della Serie A a cavallo tra gli Anni 90 e il 2000. Chiude la classifica Giampiero Boniperti, che di gol in carriera in Serie A ne ha segnati 178.

 

I giocatori ancora in attività che sognano la top 10

 

Ma attualmente c’è qualcuno che può sperare di rientrare tra i primi dieci, nel nostro campionato? Assolutamente sì. Il più vicino è Fabio Quagliarella, a quota 178 reti, quindi a una sola distanza da Boniperti: ce la dovrebbe fare. Poi occhio a Ciro Immobile, che a trent’anni è già a quota 161: se dovesse restare in Serie A fino a fine carriera, potrebbe regalare grosse sorprese in classifica. Infine c’è Zlatan Ibrahimovic, che di gol in Serie A ad oggi ne ha realizzati 148: difficile pensare che alla sua età possa arrivare nella top 10, ma con uno come lui mai dire mai...