Una gara fondamentale per il ranking mondiale del calcio, meglio detto ranking FIFA. In molti hanno dipinto la gara contro il Belgio, finalina per il terzo posto in Nations League, come una partita importante in ottica futura. Da Locatelli a Mancini, passando per Jorginho, hanno tutti sottolineato l’importanza del match (al contrario del portiere del Belgio Courtois, che non avrebbe voluto giocare). 

 

L’Italia alla fine ha battuto il Belgio per 2-1, salendo dunque sul podio della Nations League, in terza posizione. La vittoria azzurra, con i gol di Barella e Berardi, ha permesso agli azzurri di superare la più quotata nazionale belga, che occupa il primo posto del ranking FIFA. Ma andiamo con ordine: cos’è il ranking FIFA e perché è così importante?

 

Ranking mondiale del calcio: che cos’è e a cosa serve?

Si tratta ovviamente di una questione di orgoglio. Il Belgio non perdeva due partite consecutive dal 2016 (Galles e Spagna). Il Belgio, sotto la guida di Martinez, con una serie incredibile di risultati positivi si è guadagnato la testa del ranking FIFA, senza aver vinto nemmeno un trofeo. Una piccola anomalia, sottolineata da molti, nonostante una generazione dorata di calciatori di grande talento, da De Bruyne a Lukaku.

 

La sconfitta nella finale per il terzo posto contro gli Azzurri potrebbe avere effetti negativi per due ragioni diverse: dopo diversi anni, il Brasile potrebbe soffiare al Belgio il primo posto. Se la Seleçao riesce a vincere contro Colombia e Uruguay andrebbe a prendersi il primato. Cosa cambia? Nulla, di fatto sono le prime sette in classifica a sperare in un sorteggio migliore in vista del Mondiale in Qatar.

 

Ranking mondiale calcio: la classifica aggiornata 

 

Il ranking FIFA è anche detto Coca Cola World Ranking, e le procedure di assegnazione dei punti hanno subito nel tempo un drastico cambiamento. Il nuovo metodo si chiama “SUM”: dopo ogni vittoria o sconfitta vengono aggiunti o tolti punti al ranking, e la classifica cambia ogni 3 anni. I punti assegnati o tolti vengono calcolati parzialmente sulla forza dell’avversario e la posizione stessa del ranking. 

 

Di seguito ecco la classifica delle prime 10 squadre nazionali presenti nel Ranking FIFA. A guida la classifica - per ora - è il Belgio, subito dietro il Brasile, terzo posto sul podio per l’Inghilterra. L’Italia per ora è quinta, ma potrebbe risalire ulteriormente: Ecco tutta la classifica:



1) Belgio

punteggio attuale: 1832.33

punteggio precedente: 1822.34

crescita: + 9.99%

 

2) Brasile

punteggio attuale: 1811.73

punteggio precedente: 1797.67

crescita: +14.06%

 

3) Inghilterra

punteggio attuale: 1755.44

punteggio precedente: 1752.83

crescita: + 2.61%

 

4) Francia

punteggio attuale: 1754.31

punteggio precedente: 1761.77

crescita: -7.46

 

5) Italia

punteggio attuale: 1735.73

punteggio precedente: 1744.67

crescita: -8.94

 

6) Argentina

punteggio attuale: 1725.31

punteggio precedente: 1714.43

crescita: +10.88%

 

7) Portogallo

punteggio attuale: 1674.9

punteggio precedente: 1661.51

crescita: +13.39%

 

8) Spagna

punteggio attuale: 1673.68

punteggio precedente: 1680.44

crescita: -6.76%

 

9) Messico

punteggio attuale: 1666.19

punteggio precedente: 1658.29

crescita: +7.90%

 

10)  Danimarca

punteggio attuale: 1658.49

punteggio precedente: 1642.28

crescita: +16.21%


Perché il ranking Fifa è importante per l’Italia?

 

Perché il ranking FIFA era così importante per l’Italia? Gli azzurri devono ancora conquistare la qualificazione ai prossimi Mondiali in Qatar. Nel gruppo C la Svizzera potrebbe contendere agli uomini di Mancini il posto, ma nello stesso tempo gli elvetici hanno una differenza reti nettamente peggiore: +11 l’Italia, +5 la squadra di Yakin. L'Italia di fatto deve ancora conquistare la qualificazione al Mondiale. Se la qualificazione ai Mondiali sembra comunque altamente probabile, andarci da teste di serie garantirebbe un girone soft.

Come dicevamo, l’Italia da quinta verrebbe inserita insieme alle altre prime 7 - al Qatar, paese organizzatore dei Mondiali di calcio - da testa di serie. Argentina, Portogallo e Spagna sono alle spalle dell’Italia, e le Furie Rosse l’hanno battuta in semifinale di Nations League.