Zoom sta progettando un servizio di mail

Zoom è pronta a lanciare alcune interessanti novità. La piattaforma di videoconferenza basata su cloud ha annunciato nuove funzioni in arrivo, con l’obiettivo di raggiungere un proprio ecosistema di servizi integrati. Proprio così, l’app che nel 2020 ha visto oltre 500 milioni di installazioni soltanto tramite il Google Play Store, pare sia pronta a lanciare nuovi incredibili aggiornamenti.

Ne avevamo già parlato a fine ottobre: il servizio di videoconferenza più popolare al mondo già lo scorso anno aveva introdotto alcune sostanziali novità. Ma ora non basta più: scopriamo insieme gli aggiornamenti che interesseranno Zoom nei prossimi mesi.

Calendario e servizio di mail nel futuro di Zoom

Le prime indiscrezioni riguardo i nuovi aggiornamenti di Zoom provengono dalla rivista The Information, che ha rivelato l’inizio dei lavori da parte del team su un client di posta elettronica. Inoltre, Zoom ha intavolato trattative interne per la realizzazione di un calendario integrato al servizio mail. Sebbene per il momento non ci siano ulteriori informazioni, la strategia del gigante delle comunicazioni web sembra essere molto lungimirante.

Scopriamo perché.

Zoom sfida i colossi Microsoft e Google

Zoom ha deciso che il 2021 sarà l’anno giusto per espandere la sua attività. Dal momento che nel 2020 la società di videoconferenze ha visto il valore delle proprie azioni crescere oltre il 500% a causa della pandemia da Coronavirus, l’azienda americana ha pensato di lanciare nuove soluzioni tech.

Tra l’altro, Zoom è in diretta competizione con i due colossi dell’informatica Microsoft e Google, proprietari di servizi come Office 365 e Workspace, che offrono servizi di messaggistica, mail e calendar condivisibili.

Presto o tardi, nel 2021 le aziende potrebbero richiamare gli impiegati nelle varie sedi fisiche di lavoro. Il solo servizio di videoconferenze non potrebbero bastare più a convincere gli utenti a confermare l’abbonamento. Per questo, in un’ottica a lungo termine, l’ampliamento dell’offerta di base non può che giovare all’economia aziendale di Zoom.

Appare chiaro che Zoom sia ormai pronta a competere con i big del mondo tech, verso un futuro sempre più smart e innovativo.

Paolo Carta

Paolo collabora da anni con diversi magazine online e riviste cartacee del settore automotive. Appassionato di cinema, viaggi e di sport, non disdegna critiche e giudizi avversi alle serie tv. Nato nel 1978 nella provincia capitolina, è romano ma non romanista.

Articoli Correlati

Tecnologia

21 Gennaio 2021

Signal App: come funziona?

Nelle ultime settimane si sta parlando spesso di Signal, l’applicazione che potrebbe diventare presto un’alternativa a Whatsapp e Telegram. Signal è un’app di messaggistica istantanea che mette la pro...

Continua a leggere

Tecnologia

20 Gennaio 2021

Xiaomi Redmi K40: ecco le feature

Il 2021 per Xiaomi è iniziato alla grande, con una sorpresa davvero straordinaria per il pubblico di utenti! Nei giorni scorsi, Lu Weibing, direttore generale di Redmi, ha rotto il silenzio per annunc...

Continua a leggere

Tecnologia

15 Gennaio 2021

Casa domotica: ecco i tre gadget tech da provare

Sapete come funziona una casa domotica? Grazie a Internet, possiamo persino spegnere le lampadine di casa o controllare la temperatura degli ambienti domestici. Si tratta dell’Internet of Things, un n...

Continua a leggere

Tecnologia

14 Gennaio 2021

Josh, ecco il rivale indiano di Tik Tok

Se due colossi della tecnologia come Google e Microsoft decidono di investire in un’app, si tratterà sicuramente di una novità da non perdere!  È il caso di Josh, piattaforma social made in India per...

Continua a leggere

Tecnologia

12 Gennaio 2021

Zoom sta progettando un servizio di mail

Zoom è pronta a lanciare alcune interessanti novità. La piattaforma di videoconferenza basata su cloud ha annunciato nuove funzioni in arrivo, con l’obiettivo di raggiungere un proprio ecosistema di s...

Continua a leggere

In evidenza

Vedi tutte