Di recente in casa Lazio si è parlato molto di Luis Alberto. Lo spagnolo è il n.10 dei biancocelesti, è stato determinante nella crescita della squadra, è un assist-man raffinato e Immobile ne sa qualcosa. La verticale tra i due è sempre stata calda, caldissima. Ma si parla di Luis Alberto alla Juventus nella prossima sessione di calciomercato: fake news o realtà?

 

 

Luis Alberto alla Juve: possibilità e scenari

 

 

Le voci di calciomercato sono spesso incontrollate, qui su Sisal ne abbiamo raccolte alcune, tra cui Scamacca proprio ai bianconeri. la Juventus ha ovviamente un bisogno primario in mediana: deve innalzare il livello tecnico. Allegri deve aggiungere alla sua rosa l'ultimo tocco, oltre ad un attaccante almeno di livello importante. 

 

 

Luis Alberto alla Juve: tra le varie voci si è parlato di uno scambio con Arthur, ex Barcellona. Il brasiliano potrebbe essere il giocatore ideale per Sarri, ma vale la pena sacrificare il suo numero 10? Probabilmente, a guardare le prestazioni dei due in senso assoluto negli ultimi tempi, no. A guardare la stagione in corso, lo spagnolo sta vivendo molte difficoltà. Il nuovo corso di Sarri è complesso, richiede un'applicazione fisica e delle idee addestrabili ma con fatica. Sarri ha perfino detto che la coesistenza di Luis Alberto con Milinkovic Savic, uno dei perni della Lazio di Inzaghi, è complicata per ragioni di equilibrio. Appena ha potuto, ha messo in campo Basic, e Luis Alberto è finito in panchina. Poi si è ripreso il posto, si è fatto male.

 

 

Luis Alberto e Sarri: il rapporto è decollato?

 

 

Luis Alberto con Sarri si trova bene? Le voci di spogliatoio raccontano di un certo fastidio dello spagnolo per la durezza e la trasparenza del tecnico toscano, che spesso a fine partita fa nomi e cognomi, non si fa problemi a dire errori e altro di fronte all'intero gruppo.

 

 

Di recente i due sembrano però aver trovato un buon feeling, e, al netto dello stop, sembra che Sarri sia intenzionato a metterlo in campo molto più spesso.

 

 

Luis Alberto al Fantacalcio

 

 

Il messaggio è forte e chiaro ai delusi che ci hanno puntato al Fantacalcio: al netto del 7 + 2 assist rimediato contro il Genoa, fino ad ora lo spagnolo ha fatto male. Ha una media voto troppo normale per un T(requartista) nel Mantra, un 6,62 decisamente fuori dalle sue normali corde. 

 

 

Pur avendo giocato il 66,7% delle partite da titolare, il suo valore è sceso: da 24 spesi alla prima giornata (di base) ora è quotato 16. Decisamente troppo poco per cederlo. Vale la pena tenerlo? Sì, se rimane in Italia e va in un altro club (Juventus, o anche l'Inter del suo ex guru Simone Inzaghi, che lo ha fatto esplodere ma sta facendo lo stesso con Calhanoglu)

 

 

Luis Alberto, caratteristiche tecniche: un gesto per capirlo

 

 

Potremmo parlare a lungo delle caratteristiche tecniche di questo 10 classico eppure profondamente moderno, ombroso e capace di vedere linee di passaggio in frazioni di millisecondo che sembrano anche difficili da immaginare. 

 

 

Il terzo gol di Zaccagni contro il Genoa è fortemente simbolico in tal senso, c'è tutto Luis Alberto:

 

  • controllo palla ai limiti dell'indecente
  • visione
  • velocità di esecuzione
  • raffinatezza tecnica

 

 

Mette un pallone per Zaccagni dentro che è pura poesia, con un tocco da artista puro. Se questo non è un trailer perfetto per definire quelle che sono le sue caratteristiche tecniche, ci sembra difficile trovarne altri più validi.

 

 

Luis Alberto, un libro, un quadro per capirlo

 

 

Non ci facciamo però spaventare dalle sfide, e cerchiamo di spiegarvelo ancora meglio, questo spagnolo che piace alla Juve, all'Inter, e sta cominciando a piacere anche a Sarri. 

 

 

Se dovesse essere un libro, Luis Alberto sarebbe forse "20.000 leghe sotto i mari". Ha qualcosa di profondo e insondabile come il Capitano Nemo, ha profondità tecniche e caratteriali non semplici e superficiali da leggere. 

 

 

Un quadro? Ecco se Luis Alberto fosse un quadro ci piacerebbe inserirlo in "Relatività" di Escher. Scale impossibili, universi impensabili e pennellate folli. Gesti fuori dal coro, parole forti, Luis Alberto è fuori dai nostri consueti schemi.