Vogliono saperlo tutti: i fantallenatori, chi ama scommettere, gli appassionati, i tifosi delle due squadre. Uno dei grandi temi del big match tra Lazio e Juventus rimane appeso ai tamponi: giocherà o meno Ciro Immobile? Il centravanti della squadra di Inzaghi è al centro di un vero e proprio caso: ha saltato tutte e due le trasferte europee, bloccato da un tampone positivo della Uefa.

La partita dello scandalo – tra le due di Champions League – è stata quella contro il Torino: Immobile è regolarmente sceso in campo, andando anche a segno. Ha realizzato il rigore decisivo del pareggio nel finale (poi Caicedo completerà la rimonta al 98′). E ora tutti all’attacco di Lotito: come è possibile che Immobile fosse negativo il campionato, per poi risultare positivo due giorni dopo?

 

Immobile giocherà contro la Juventus?

Il nodo del contendere, in realtà, sembra legato alle soglie che determinano la positività o meno di un calciatore. La Lazio spedisce i tamponi ad una clinica di Avellino che segue gli standard nazionali, la Uefa al contrario li invia ad un centro di analisi svizzero, con altri parametri. Ad ogni modo, per gli standard nazionali – seguendo il protocollo firmato dal Cts – Immobile dovrebbe essere regolarmente disponibile.

Di fatto – a meno di clamorosi ed ulteriori sviluppi – la normativa andrà adeguata alla Uefa. La Lega sta pensando di centralizzare in una sola clinica tutti i tamponi del calcio italiano: in questo modo non sarebbero possibili disparità. Nel frattempo però la Lazio potrebbe schierare Immobile contro la Juventus, in un match fondamentale per il resto della stagione dei due club. Lotito sarebbe furioso con la Uefa, ma intenzionato comunque a far schierare il suo attaccante, con l’ok di Inzaghi. Il Torino, altro attore protagonista della vicenda Immobile, nel frattempo ha richiesto vigilanza sul protocollo alla Figc, proprio per evitare altri casi Immobile.