Euro 2020 in arrivo, ma quali sono i gironi e quali sono le nazionali qualificate? Ci sono delle assenze illustri, quasi tutte le big hanno strappato il pass per questa storica edizione itinerante. A fronte di tantissimi stadi stupendi e nazioni coinvolte nell’organizzazione di un evento unico nei 60 anni di storia di questa competizione.

 

Il ritorno del pubblico e dei tifosi sugli spalti sarà già emozionante: in alcune nazioni gli stadi saranno vicinissimi alla capienza piena, Wembley potrebbe essere tutto esaurito in vista della finalissima. La Uefa ha chiesto e ottenuto, con un occhio alla pandemia, che la cornice di pubblico fosse degna di un evento così importante e unico.

 

Una rassegna itinerante, una specie di lungo sponsor per il calcio europeo: dopo l’affaire Superlega, clamorosamente fallita ma ancora al centro di una bufera giudiziaria, una bella vetrina per la Uefa tutta.

 

Gli Europei in programma nell’estate 2021, rinviati di un anno a causa della pandemia, sono pronti: i gruppi sono stati già sorteggiati il 30 novembre 2019, a Bucarest. Tutto pronto, le nazionali che si sono qualificate ai playoff hanno raggiunto le altre e sono pronte a dare battaglia.

 

Come sono stati formati i gironi? Le nazionali organizzatrici qualificate sono state inserite automaticamente nel girone che le vedrà impegnate in casa. I paesi ospitanti di Euro 2021 sono molti: Italia, Inghilterra, Germania, Spagna, Olanda, Russia, Romania, Ungheria, Scozia, Azerbaigian, Danimarca. Ma quali sono i gironi di Euro 2020? Scopriamoli insieme.

 

Euro 2020, i gironi del torneo

I gironi di Euro 2020 potrebbero riservare sorprese interessanti. L’Italia inizierà a Roma i suoi Europei: la gara inaugurale contro la Turchia potrebbe essere una delle più complicate del Girone A, che per il resto prevede squadre organizzate – Galles e Svizzera – ma di caratura inferiore dal punto di vista tecnico. L’Italia in questo momento parte leggermente indietro rispetto ad altre squadre, ma Mancini, fresco di rinnovo, ha tanti punti a suo favore: l’entusiasmo per il ritorno in una competizione così importante.

 

Il Girone B già contempla una delle squadre favorite per la vittoria, il Belgio di Lukaku, Hazard e De Bruyne: attenzione alla Russia che nei Mondiali casalinghi ha dimostrato di essere squadra compatta e organizzata. Nel Gruppo C l’Olanda sembra la super favorita, parte forse leggermente indietro rispetto ad altre big ma ha talenti molto interessanti. Il Girone dell’Inghilterra, il D, ha un paio di incroci molto appassionati: contro la Scozia è una specie di derby, mentre il match contro la Croazia è comunque una bella prova, contro un team che in queste competizioni in passato ha brillato.

 

La Spagna ha un gruppo agevole solo nelle apparenze: l’Italia stessa ha qualche ricordo di quanto sia complicato fare gol alla Svezia, e di quanto sappia essere scoglio insormontabile. Probabilmente il gruppo più complesso e di difficile previsione: Portogallo, che forse parte leggermente indietro, Francia e Germania hanno rose attrezzate e giocatori di livello importante. Possono ambire alla vittoria finale: in questo momento, insieme al Belgio, le altre due super favorite si testeranno già nella fase a gironi. Di fatto si tratterà di una specie di grande prova generale per le partite che contano, quelle più vicine al trofeo.

 

GIRONE A

 

  • Turchia
  • Italia
  • Galles
  • Svizzera

GRUPPO B

 

  • Danimarca
  • Finlandia
  • Belgio
  • Russia

GRUPPO C

 

  • Olanda
  • Ucraina
  • Austria
  • Macedonia

GRUPPO D

 

  • Inghilterra
  • Croazia
  • Scozia
  • Repubblica Ceca

GRUPPO E

 

  • Spagna
  • Svezia
  • Polonia
  • Slovacchia

GRUPPO F

 

  • Ungheria
  • Portogallo
  • Francia
  • Germania

Per farci un’idea della reale portata di questi gironi, ecco il ranking Fifa attuale:

 

1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
Belgio
Francia
Brasile
Inghilterra
Portogallo
Spagna
ITALIA
Argentina
Uruguay
Danimarca
1.783,38
1.757,30
1.742,65
1.686,78
1.666,12
1.648,13
1.642,06
1.641,95
1.639,08
1.631,55

Come si può vedere, Belgio, Francia e Inghilterra figurano tra le super favorite anche in virtù del loro cammino fino ad ora nelle competizioni più recenti e nelle gare ufficiali. Attenzione anche alla Danimarca: decima nel ranking, potrebbe rappresentare la sorpresa di questi Europei.