Le Asl fermano i convocati per la Nazionale. Nella giornata di ieri, subito dopo le gare di campionato, sono arrivate frenetiche le comunicazioni: tutto fermo, le Asl hanno stoppato alcuni giocatori azzurri, Mancini dovrà rivedere le sue convocazioni.

Il ct – positivo al Covid-19, in panchina andrà probabilmente Evani – ha diramato la lista dei convocati per i prossimi match dell’Italia: 41 giocatori, ma molti saranno costretti a rimanere a casa. Le Asl di competenza hanno fermato molti giocatori: vediamo insieme chi probabilmente dovrà rimanere a casa.

 

Caos tamponi, ecco chi sono i giocatori fermati dalle Asl

Le Asl hanno fermato di preciso 3 squadre: Roma, Fiorentina e Lazio, già al centro di un’annosa vicenda tamponi. Di fatto dunque i giocatori che rimarranno a casa sono: Acerbi, Biraghi, Castrovilli, Mancini, Spinazzola, Lorenzo Pellegrini, Cristante e Immobile (attualmente positivo, anche se debolmente). Attenzione però, la Asl di Milano per ora non si è fatta sentire, ma le cose potrebbero cambiare in pochissimo tempo. A quel punto rischierebbero anche Barella e D’Ambrosio dell’Inter, che in questo momento è in isolamento fiduciario. Ad oggi potrebbero raggiungere il ritiro con mezzi privati, ma c’è attesa per le comunicazioni della Asl.

Mancini, nel frattempo, deve fare i conti anche con altre defezioni: Chiesa ha saltato la Lazio per un risentimento muscolare e Romagnoli si è dovuto arrendere durante il riscaldamento prima di Milan-Verona. Per questo motivo il ct ha dovuto diramare altre convocazioni: porterà in azzurro proprio Zaccagni del Verona, Bastoni dell’Inter e Ferrari del Sassuolo. Il difensore nerazzurro lascerà il ritiro della Nazionale Under 21 e raggiungerà i “grandi”.

Di certo c’è solo che Mancini avrà a disposizione i suoi a rate: arriveranno difatti in giorni diversi. Ad oggi raggiungeranno Coverciano solo questi 18 calciatori: Belotti, Bernardeschi, Calabria, Cragno, Criscito, Di Lorenzo, El Shaarawy, Emerson, Gagliardini, Grifo, Lasagna, Orsolini, Pellegri, Luca Pellegrini, Pessina, Sirigu, Soriano e Tonali. Martedì 10 novembre sarà la volta di Bonucci, Chiesa (se avrà risolto problemino muscolare), Donnarumma, Florenzi, Insigne, Jorginho, Kean e Meret, con Caputo, Berardi e Locatelli che nel frattempo avranno terminato isolamento fiduciario.